Logo di PrevenzioneSicurezza.com
Venerdì, 1 Luglio 2022
News

"Sottotetti, se usati come depositi vanno conteggiati nel volume"

fonte www.edilportale.com / Edilizia

24/02/2015 - I sottotetti usati come depositi non sono volumi tecnici e devono quindi essere computati nella volumetria complessiva dell’edificio. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato con la sentenza 357/2015.

Nel caso esaminato dal CdS, i proprietari di un fabbricato avevano fatto ricorso al Tar per impugnare il permesso di costruire rilasciato ai proprietari confinanti per una serie di lavori di ristrutturazione, ampliamento igienico sanitario e rifacimento del tetto. Secondo i ricorrenti, le opere superavano l’indice di fabbricabilità, violavano le distanze minime tra edifici e le altezze massime, nonché le norme in materia antisismica.
 
Il Tar aveva accolto il ricorso annullando il permesso di costruire dal momento che i nuovi volumi, creati dopo la realizzazione di un deposito non abitabile, superavano quelli preesistenti.
 
I titolari del permesso di costruire avevano quindi presentato appello in Consiglio di Stato sostenendo che si trattava della ristrutturazione di vecchi volumi, non di una nuova costruzione, e che l’ampliamento riguardava i volumi tecnici, che per legge non vanno computati nella volumetria. Dato che il sottotetto doveva essere adibito a locale deposito, doveva essere considerato come volume tecnico.
 
I giudici hanno però confermato l’orientamento del Tribunale amministrativo affermando che sono volumi tecnici solo quelli destinati ad ospitare gli impianti tecnici delle abitazioni. Tra questi non rientrano quindi i sottotetti usati come deposito.
 
Dal momento che i volumi dei sottotetti devono essere conteggiati nella cubatura dell’immobile, il CdS ha ribadito la violazione delle distanze minime tra edifici e delle altezze massime, anche in riferimento alla staticità sismica.

Segnala questa news ad un amico

Questa news è stata letta 815 volte.

Pubblicità

© 2005-2022 PrevenzioneSicurezza.com. Tutti i diritti sono riservati.

Realizzato da Michele Filannino