Logo di PrevenzioneSicurezza.com
Lunedì, 22 Ottobre 2018
News

"Imprese familiari in cantiere: come redigere il POS? "

fonte www.insic.it / P.O.S. Piano Operativo di Sicurezza

06/07/2015 - Il Quesito
La Federazione Nazionale UGL Sanità ha chiesto indicazioni al ministero del Lavoro circa l'interpretazione dell'art. 96 del Testo unico di Sicurezza nel caso in cui si trovino ad operare in un cantiere temporaneo e mobile un'impresa familiare: tale impresa deve redigere o meno il piano operativo di sicurezza riportando tutti i contenuti minimi previsti dall' allegato XV del d.lgs. n. 81/2008?

Secondo la Commissione Interpelli
La Commissione Interpelli ricorda che alle imprese familiari (di cui all'art. 230 bis del Codice Civile) si applica l' art. 21 del D.Lgs. n. 81/2008. Se le attività familiari operano all'interno di un cantiere temporaneo e mobile(art. 89. comma 1. lett. a), del d.lgs. 81/2008) esse devono redigere il Piano Operativo di Sicurezza, come previsto dall'art. 96 del TUS (Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti).
Ma la Commissione precisa: Il Piano deve riportare lutti i punti dell' allegato XV ad eccezione dei punti i cui obblighi non trovano applicazione nel caso delle imprese familiari, e "A titolo meramente esemplificativo e non esaustivo" la Commissione afferma che " nei POS delle imprese familiari non potrà essere indicata la figura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, i nominativi degli addetti al primo soccorso, ecc."

Riferimenti normativi:
Interpello n.3/2015, del 24/06/2015
Art. 12, d.lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni - risposta al quesito relativo all'art. 96 del d.lgs. n. 81/20008

Segnala questa news ad un amico

Questa news è stata letta 581 volte.

Pubblicità

Visite:

© 2005-2018 PrevenzioneSicurezza.com. Tutti i diritti sono riservati.

Realizzato da Michele Filannino