Logo di PrevenzioneSicurezza.com
Martedì, 26 Maggio 2020
News

"Scia Unificata: in Gazzetta il decreto, modelli unici dal 2017"

fonte www.edilportale.com / Modulistica

15/07/2016 - Dal 1° gennaio 2017 la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) diventerà unificata e avrà modelli unici in tutta Italia. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il 28 luglio il D.lgs. 126/2016 che attua la Riforma della Pubblica Amministrazione ( Legge 124/2015). 

Come funziona la Scia Unificata

Alla base della Scia Unificata ci sono i tempi certi entro cui le Amministrazioni devono rispondere e il divieto di chiedere informazioni e documenti aggiuntivi rispetto a quelli previsti o di cui gli uffici pubblici sono già in possesso.
 
Il professionista dovrà quindi presentare un’unica Scia allo sportello unico dell'amministrazione interessata. Sarà poi questa a trasmettere la richiesta alle altre PA nel caso in cui siano necessari altre autorizzazioni o verifiche preventive.
 
Contestualmente alla presentazione della Scia, che potrà avvenire anche online, l’Amministrazione rilascerà una ricevuta in cui dovrà indicare i tempi di risposta o il momento a partire dal quale si potranno calcolare i termini per la formazione del silenzio assenso.


Se dovesse essere necessaria la Conferenza di Servizi, i termini per la sua convocazione decorreranno dal rilascio di tutti i provvedimenti richiesti.
 
I lavori potranno invece iniziare subito se non sono richieste altre autorizzazioni o titoli espressi.
 
In caso di dichiarazioni mendaci o coinvolgimento di interessi sensibili, come ambiente e paesaggio, sarà adottato un provvedimento di sospensione

Scia 1 e Scia 2

Il decreto pubblicato in Gazzetta è conosciuto anche come “ Scia 1” e detta gli step con cui le Amministrazioni dovranno adeguarsi al nuovo sistema.
 
A questo decreto se ne abbina un altro, ribattezzato “ Scia 2” e in fase di definizione, che individuerà con precisione gli interventi soggetti a Scia, quelli che necessitano del permesso di costruire e i casi in cui è ammesso il silenzio assenso. I lavori non annoverati in questo elenco saranno considerati edilizia libera.
 

Segnala questa news ad un amico

Questa news è stata letta 527 volte.

Pubblicità

© 2005-2020 PrevenzioneSicurezza.com. Tutti i diritti sono riservati.

Realizzato da Michele Filannino